I pericoli della nicotina

I prodotti sostitutivi della nicotina costituiscono la forma più comune di prodotti da banco usati come aiuto per smettere di fumare. Come già specificato dal loro nome, contengono nicotina e, di conseguenza, mantengono la dipendenza dalla nicotina.

La nicotina è un alcaloide tossico che dà assuefazione, presente nella pianta del tabacco. A causa delle sue caratteristiche viene usata negli insetticidi, oltre che nel tabacco e nei prodotti sostituivi della nicotina.

Gli effetti della nicotina sul corpo

La nicotina è una neurotossina. Aumenta la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa e la contrazione di cuore, vene superficiali e arterie coronariche. Di conseguenza, il cuore viene affaticato e aumenta il rischio di attacco cardiaco.

A causa dell’uso continuato di nicotina, i fumatori sviluppano una tolleranza a questa tossina e sono necessarie dosi sempre maggiori per soddisfare i sintomi dell’assuefazione: si crea così un ciclo di dipendenza. Con “tabagismo” si intende una malattia risultante dalla dipendenza fisica, psicologica e sociale provocata dal fumo.

Con “dipendenza dalla nicotina” si intende il cambiamento della quantità e della funzione dei ricettori della nicotina nel sistema nervoso centrale dovuto all’abuso di nicotina, che provoca sintomi fisici di astinenza quando una persona smette di fumare. In termini di fattori farmacologici e comportamentali, la dipendenza dalla nicotina è simile alla dipendenza da altre sostanze.

Secondo la classificazione psichiatrica internazionale, la dipendenza dalla nicotina soddisfa i criteri di una dipendenza chimica. I meccanismi chiave coinvolti nello sviluppo della dipendenza dalla nicotina sono costituiti dall’aumento della tolleranza nel sistema nervoso centrale, dal metabolismo della nicotina nel fegato e dai fattori genetici che li regolano. Nei giovani, gli effetti della nicotina sull’attività cerebrale sono particolarmente significativi. La dipendenza dalla nicotina si sviluppa rapidamente, ma esistono differenze individuali dovute a numerosi fattori genetici e ambientali. Mentre la nicotina contenuta nelle sigarette, nel tabacco da fiuto e in altri prodotti derivati dal tabacco è la sostanza più importante nell’insorgere della dipendenza, anche il fumo del tabacco contiene altre sostanze chimiche che provocano lo sviluppo della dipendenza.

L’aumento della tolleranza del corpo alla nicotina rende elevato il rischio di sviluppo del diabete di tipo 2. Inoltre, la nicotina è nociva al funzionamento delle cellule endoteliali nei vasi sanguigni.

La tossicità della nicotina

Quando viene ingerita in grandi quantità, la nicotina paralizza il sistema nervoso, provocando un avvelenamento. Nei bambini, mangiare una singola sigaretta provoca l’avvelenamento da nicotina. Le cartucce di liquido nelle sigarette elettroniche hanno provocato casi di avvelenamento letale nei bambini. Anche per gli adulti, l’assimilazione di appena 60 mg di nicotina nel corpo potrebbe essere letale per una persona mai esposta in precedenza alla nicotina. Tale quantità corrisponde a 30-40 sigarette o a 2-4 cartucce di sigarette elettroniche.

La nicotina nel tabacco e nei prodotti sostitutivi della nicotina

Le concentrazioni maggiori di nicotina sono presenti nei prodotti del tabacco, quali ad esempio le sigarette, il tabacco da fiuto e le sigarette elettroniche. Il contenuto di nicotina nelle sigarette elettroniche può variare. Confrontando tra loro 11 prodotti, il contenuto variava da 0 a 35 microgrammi di nicotina per ogni inalazione. Quando si fuma una sigaretta, ciascuna inalazione contiene 152-193 microgrammi di nicotina. In altre parole, cinque inalazioni di sigaretta elettronica costituiscono la stessa quantità di nicotina ingestita con una singola inalazione di una sigaretta tradizionale. La dose media ricevuta fumando una singola sigaretta è pari a 1 mg ogni 5-10 inalazioni, a seconda della tecnica di fumata. Nei fumatori di sigarette elettroniche sono state misurate dosi simili. Inoltre, in tali fumatori sono stati riscontrati sintomi di dipendenza dalla nicotina pari a quelli dei fumatori di sigarette tradizionali.

Poiché i prodotti sostitutivi della nicotina si basano sul mantenimento della dipendenza dalla nicotina, essi contengono a loro volta nicotina.

Tabella/infografica: pubblicazione del British Medical Journal, novembre 2014: riepilogo delle dosi dei prodotti della nicotina e concentrazioni di nicotina risultanti nel corpo

Fonti: https://www.thl.fi/fi/web/alkoholi-tupakka-ja-riippuvuudet/tupakka/tupakoinnin-lopettaminen/mita-on-tupakkariippuvuus http://www.terveyskirjasto.fi/terveyskirjasto/tk.koti?p_artikkeli=dlk01065&p_haku=nikotiini